STORIE DI OMICIDI IN NOME DI SATANA

1- Bambini Brasiliani sacrificati in nome di Satana

Alcuni uomini provenienti da una città situata a nord del Brasile (Altamira), pensavano che tutti i nati dopo il 1981 fossero posseduti dal diavolo e decisero quindi di compiere rituali di magia nera con tali bambini.
Tra il 1989 e il 1993 sono stati ritrovati numerosi cadaveri di bambini castrati. 19 le presunte vittime delle quali 6 sono stati assassinati, 5 sono tutt’oggi dichiarati scomparsi, 8 i sopravvissuti che non vogliono ricordare l’esperienza poiché drogati, legati, castrati e poi abbandonati in balia della morte sul ciglio dell’autostrada.
11 anni dopo l’inizio delle indagini, nel 2003, 6 membri di quella setta sono stati accusati di tortura, infanticidio e castrazione. La leader del gruppo invece ha negato ogni coinvolgimento, ed è stata
assolta.

2 – Il prete ucciso per un impulso Satanico

Risultati immagini per David Oberdorf

Il 19enne David, impiegato della Peugeot, una notte, dopo aver ascoltato musica goth nella sua camera a casa di suo padre a Kingersheim, ha sentito una voce nella sua testa che gli diceva “Devi uccidere un prete!”
Così David, vestito di nero e armato di un coltello da caccia, è andato a bussare alla porta di padre Uhl. Lui l’ha lasciato entrare e ha ascoltato la sua confessione.
Quando però si è girato, David l’ha accoltellato. Quindi gli ha ordinato di stendersi a terra, e dopo averlo legato con la sciarpa che aveva al collo ha disegnato un pentacolo sul suolo; poi l’ha pugnalato ancora, 33 pugnalate si contarono, ed è scappato.

“È come se qualcuno si fosse appropriato del mio corpo”, ha dichiarato il giovane durante il processo nel 2001.
Aperte le indagini fu ricollegato il caso con la riesumazione di un cadavere che era stato poi trafitto fino al cuore con un crocifisso rovesciato. Uno dei quattro giovani satanisti accusati era David. Nella camera del ragazzo sono stati trovati numerosi testi e oggetti satanici e una foto di Hitler. Credeva che uccidere un prete l’avrebbe guarito dalla depressione. È stato condannato a vent’anni di prigione.

3 – La casa dell’orrore

La sera di un sabato d’inizio giugno 2011 Davy T si versa un bicchiere di vino mentre sua moglie dà da mangiare alla figlia di un anno e tre mesi. Davy scende in taverna e recupera una lampada pesante, si avvicina alla moglie da dietro e la colpisce con forza alla testa. Lei corre in cucina con la figlia, ma Davy la raggiunge e la colpisce con un coltello. Poi prende la figlia, la porta in camera e cerca di asfissiarla; non riuscendoci, la accoltella a morte. L’altra figlia di sei anni, avuta da un matrimonio precedente, è di sopra in camera sua, la raggiunge e la obbliga a fargli una fellatio, quindi torna in sala dov’era stata trascinata la moglie. Vuole vedere sua moglie morire e mentre lei si dissangua lui la penetra, le scatta delle foto e posiziona delle croci rovesciate sul muro. Poi prende le sue medicine e va a dormire. La polizia troverà la figlia di sei anni chiusa in camera sua. “Non sono stato io, è stato Belzebù,” ha dichiarato in seguito Davy. Il tribunale però l’ha condannato all’ergastolo.

4 – Misantrophic Luciferian Order

0741d5bfb8aec91a43b6446591f9d823

Il 23 luglio 1997 viene ritrovato nel parco svedese Keillers di Goteborg, il cadavere di Josef ben Meddour, 36 anni, uccisa con due colpi di pistola. I responsabili erano due 23enni, Jon e Vlad, membri del Misanthropic Luciferian Order, setta in cui si tenevano cerimonie occulte e venivano sacrificati dei gatti.
Qualche settimana prima dell’omicidio di Meddour, Jon e Vlad decidono che vogliono “compiere sacrifici umani e poi organizzare un suicidio collettivo” a cui avrebbero partecipato numerosi adepti.
I due uomini sono stati condannati a dieci anni di prigione nel 1998. Nel 2004 Jon è stato rilasciato, ma nel 2006 il suo corpo è stato trovato nel suo appartamento al centro di un cerchio di candele rosse e con a fianco un libro di magie.

5 – Satana in un corvo

Risultati immagini per corvo satan

Il 17enne Ricky è tossicodipendente e partecipa a riti satanici. La mattina si sveglia, si dedica al satanismo, assume LSD e poi cerca una macchina in cui dormire. Il suo passatempo preferito è rubare ossa umane. Derubato dall’amico Gary, Ricky chiede lui di pagare ciò che ha rubato e riappacificarsi invitandolo a passare la notte con altri due amici. Dopo aver allestito un piccolo accampamento cercano di accendere un fuoco e si fanno un sacco di mescalina. Ricky aggredisce Gary pugnalandolo circa trenta volte e gli strappa gli occhi. L’agonia del ragazzo dura quattro ore. In questo lasso di tempo sembra che Kasso abbia ordinato più volte alla vittima, “Di’ che ami Satana!”. Secondo Ricky, Satana aveva preso la forma di un corvo e gli aveva ordinato di compiere un “sacrificio umano”. Ricky e i suoi amici vengono arrestati mentre dormono in una macchina. Ricky si suicidò in carcere due giorni dopo l’arresto.

Se l’articolo ti è piaciuto, valuta una piccola donazione per il mantenimento del sito. Grazie

Fonte: Wikipedia, la nonaporta, vice.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.