MIRANDA BARBOUR – SUPER MIRANDA – I KILLER DI CRAIGLIST

“Ricordo tutto di quel che è successo. È come guardare un film… Mi sono offerta di fare sesso con lui per 100 dollari… Gli ho raccontato una bugia, dicendogli che avevo 16 anni, e lui ha detto che era ok.. Risposta sbagliata!”

La storia di Miranda comincia in Alaska nel 2007 quando, all’età di 12 anni, fugge di casa per scappare dai ripetuti abusi sessuali perpetrati negli anni dello zio, confermati poi dalla madre. Lo zio verrà poi condannato a scontare una pena di 14 anni.

Risultati immagini per miranda barbour satanist

La giovane si unisce a una setta Satanica dove, per diversi anni, diviene la prostituta per gli adepti, fino a quando non resta incinta e viene obbligata ad abortire. Sempre all’età di 12 anni compie il suo primo omicidio: il Leader della setta vede il lei la persona ideale per soddisfare Satana e insieme scelgono la vittima, un uomo che doveva dei soldi al leader:

“Mi ha detto che toccava a me sparargli. Io odio le pistole. Non le uso… Preferisco i coltelli ben affilati. Non riuscivo a farlo, quindi lui ha preso le mie mani nelle sue e abbiamo premuto insieme il grilletto. E da allora ho continuato ad uccidere”.

Nella confessione della lunga lista dei suoi omicidi la ragazza, ormai diciannovenne, ha sempre mantenuto il sangue freddo e una calma irreale, spiegando per filo e per segno come spesso squartasse e facesse a pezzi le sue vittime per poi seppellirli in luoghi isolati, spesso boschi ai margini delle città, con l’aiuto del suo compagno Elytte di 22 anni.

“Non ho mai ucciso a caso, ma ho sempre ucciso persone cattive. Quando scoprivo che erano cattive per me non c’era più ragione che stessero ancora qui tra noi”.

La ragazza nella confessione ha spiegato che la maggior parte dei delitti è avvenuta in Alaska e il suo modus operandi era quello di attirare in trappola uomini e donne di bassa moralità con l’esca del sesso facile. Ha affermato di avere un coltello preferito col quale ha commesso quasi tutti i delitti.
Ha detto di aver ucciso in Alaska, Texas, North Carolina e California e di aver basato i suoi omicidi sulla serie televisiva “Dexter”, uccidendo quindi solo persone malvagie o che “Satana mi ha chiesto di eliminare”.

Ultima vittima in ordine temporale è stato il malcapitato Troy LaFerrara, conosciuto sul famoso sito Craigslist. La ragazza ha attirato l’uomo con la proposta di “compagnia femminile”. L’appuntamento viene fissato per l’11 novembre 2013 in un centro commerciale.

“Ricordo tutto di quel che è successo. È come guardare un film… Mi sono offerta di fare sesso con lui per 100 dollari… Gli ho raccontato una bugia, dicendogli che avevo 16 anni, e lui ha detto che era ok.. Risposta sbagliata!”.

L’uomo è stato strangolato e accoltellato 20 volte prima di essere abbandonato in un vicolo di Sunbury, dove è stato scoperto da un residente la mattina successiva. Secondo gli investigatori, dopo aver scaricato il cadavere, i due killer sarebbero andati a festeggiare in uno strip club.

Gli investigatori ci hanno messo poco a risalire alla ragazza e al suo compagno perchè l’ultima chiamata sul telefono della vittima era diretta al cellulare di Miranda. Arrestata nel febbraio 2014, inizialmente ha raccontato alla polizia di aver ucciso LaFerrara per legittima difesa dopo che l’uomo aveva iniziato a toccarla, ma è stato il compagno a incastrarla raccontando una storia diversa:

“Volevamo uccidere uno sconosciuto e lo volevano fare insieme, solo per divertimento.”

Risultati immagini per miranda barbour

Risultati immagini per miranda barbour

I due sono stati quindi condannati all’ergastolo per omicidio, aggressione aggravata, rapina e possesso dell’arma del delitto.

Solo dopo la condanna all’ergastolo, Miranda ha raccontato di aver ucciso molte altre persone, donne e uomini, evitando così la pena di morte.

“Non fatemi più uscire di prigione. Se ciò accadesse ricomincerei ad uccidere!”

Se l’articolo ti è piaciuto, valuta una piccola donazione per il mantenimento del sito. Grazie

.

Fonte: Misteridalmondo, ilparanormale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.