LA VERA STORIA DELLA NAVE TERROR

Su Amazon Prime video è possibile trovare una seria davvero molto bella intitolata “The terror” e diretta da Ridley Scott.

La seria racconta la storia vera della bombarda Terror, una nave capace di trasportare un equipaggio di quasi 70 persone, munita di 2 mortai e incredibilmente ritrovata nel 2016, a circa 170 anni dalla sua scomparsa.

Tutto ebbe inizio nel lontano 1845 a Greenhithe (alle porte di Londra) quando la nave Terror sotto la guida del comandante Francis Crozier, accompagnata dalla Erebus, salpò alla ricerca di un passaggio a Nord-Ovest, tra i ghiacci della Groenlandia, al fine di ridurre i tempi di trasferimento delle merci dall’Atlantico al Pacifico.

Il motore era stato potenziato e portato a 20 CV, la nave riparata e rinforzata e c’era abbastanza cibo per tutto il viaggio e oltre.

Dopo 3 mesi, l’inverno sorprese i due equipaggi che rimasero bloccati nei ghiacci per quasi 3 anni. Le navi erano ben fornite di provviste e potevano affrontare l’inverno, se non fosse che il pessimo stato di conservazione del cibo in scatola, forse per risparmiare, provocò all’equipaggio un avvelenamento da piombo (saturnismo) e botulismo; tutto questo unito a malnutrizione, temperature di 40 o 50 gradi sotto lo zero, e una sensazione di smarrimento e claustrofobia, portò alla morte di tutto l’equipaggio.

Image result for the terror storia vera

Le analisi compiute sui pochi cadaveri ritrovati conferma l’avvelenamento. Secondo quanto scoperto da successive spedizioni, inoltre, la Terror e la Erebus sarebbero state abbandonate nella zona di Victoria Strait, da dove alcuni uomini tentarono di raggiungere a piedi Fort Resolution, nella baia di Hudson. Morirono tutti stremati dal gelo e la malattia.

La serie tv prende spunto dal racconto dello scrittore Americano Dan Simmons che aggiunge alcuni elementi di carattere soprannaturale, forse per movimentare il racconto. A parte questo, tutto il resto è reale e vi invito a guardare la serie.

Image result for the terror storia vera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.