JOHN LIST: L’UOMO NERO DI WESTFIELD

(ATTENZIONE, FOTO DELLA SCENA DEL CRIMINE NON ADATTE ALLE PERSONE SENSIBILI)

John Emil List viene classificato come Mass Murderer, ovvero quel serial killer che uccide 4 o più vittime nello stesso luogo e in un unico evento. Di solito il killer non conosce le sue vittime e la scelta è del tutto casuale, ma non è questo il caso. John infatti uccise la moglie, la madre, e i 3 figli nella loro casa nel New Jersey e poi sparì nel nulla. Verrà catturato solo 18 anni e la vicenda è piuttosto curiosa.

Tutto ebbe inizio nel Novembre del 1950 quando List venne richiamato alle armi per la guerra di Corea. Durante il servizio conobbe Helen Morris, moglie di un soldato di fanteria deceduto in guerra e madre della piccola Brenda. I due si sposarono il 1 Dicembre del 1951 a Baltimora e, dopo il servizio militare, si spostarono a Detroit dove List cominciò a lavorare per un’azienda di carta. Ebbero 3 figli oltre a Brenda e, mentre la carriera di List decollava, con incarichi da vice presidente, la vita di Helen andava in frantumi. Alcolizzata, instabile e irascibile, Helen era diventata un peso per List. Nel 1960 la figlia Brenda si sposò e andò a vivere col marito, mentre List, sua madre Alma, la moglie, e i figli si trasferirono in una bellissima villa in stile Vittoriano.

Image result for john list killer

Il 9 Novembre del 1971, List prese la sua 9mm Steyr semi automatica, la Colt 22mm Revolver, raggiunse Helen e le sparò un colpo dietro la nuca. Poi sparò un colpo nell’occhio sinistro a sua madre di 84 anni. Aspettò che i piccoli tornassero da scuola e non appena Patricia, 16 anni, e Frederick, 13 anni, misero piede in casa, li uccise con un colpo dietro la testa. Poi si preparò il pranzo, si recò in banca dove chiuse il suo conto e quello di sua madre, e andò a prendere il figlio John, 15 anni, che stava giocando a calcio. Lo accompagnò a casa dove gli sparò numerosi colpi nel petto e in faccia.

Image result for john list killer

Dopo il massacro, List prese dei sacchi a pelo dove ci mise tutti i corpi e li posizionò in sala. Il corpo di sua madre lo lasciò nell’attico della sua stanza. Scrisse una lettera di 5 pagine indirizzata al pastore dove spiegava che c’era troppa malvagità nel mondo e che ha dovuto uccidere la sua famiglia per salvare le loro anime. Ha poi ripulito con meticolosità la scena del crimine, rimosso ogni fotografia dove lui appariva, sintonizzato la radio dell’auto su una stazione religiosa ed è partito.

Image result for john list killer

Image result for john list killer crime scene

Image result for john list killer crime scene

I corpi delle vittime vennero scoperti solo un mese dopo. List aveva inviato lettere ai vicini e alla scuola dichiarando di voler vivere insieme alla famiglia in assoluta solitudine. Si sarebbero recati in North Carolina per diverse settimane. List aveva annullato anche la consegna del latte, delle riviste e disattivato la ricezione della posta.

I vicini si insospettirono quando notarono che le luci in casa restavano accese 24 ore su 24 anche senza che ci fosse qualcuno dentro. Quando le lampadine cominciarono a scoppiare una dopo l’altra, si convinsero a chiamare la polizia.

Partì una caccia all’uomo in tutti gli Stati Uniti. Venne ritrovata l’auto di List all’aeroporto di New York, ma non erano certi che avesse preso un volo.

Per 18 lunghissimi anni List condusse la sua vita senza nessun apparente pericolo, riuscì addirittura a sposarsi sotto falsa identità, fino a quando nel 1989 il programma America’s Most Wanted parlò di lui. Raccontarono della sua vita e pubblicarono l’aspetto che List poteva avere a distanza di 18 anni. Passarono solo due settimane dalla messa in onda del programma quando List fu segnalato alle autorità in Virginia e arrestato.

Aveva viaggiato per il New Jersey, Michigan, Colorado, Denver e Virginia. Nel 1990, dopo la prova delle impronte digitali, confessò tutto.

Al processo List dichiarerà di essersi trovato in gravi difficoltà economiche a quel tempo. Aveva perso il lavoro e per evitare l’umiliazione di doverlo dire alla moglie e figli, trascorse i giorni della settimana lavorativi alla stazione di Westfield a leggere il giornale finchè non sarebbe giunta l’ora di tornare a casa. Cominciò a rubare soldi dal conto della madre per pagare il mutuo della casa. Doveva anche preoccuparsi dell’alcolismo della moglie e della sifilide che aveva contratto dal precedente marito e che gli aveva tenuto nascosto fin dopo il matrimonio. Secondo List, Helen lo aveva ingannato affermando di essere incinta per farsi sposare. La malattia e l’alcolismo la trasformò da “giovane donna attraente a una reclusa paranoica e incurante del proprio aspetto che non perdeva occasione per denigrarmi pubblicamente e paragonarmi sessualmente al suo ex marito”.

La corte riconobbe in List un disordine ossessivo compulsivo della personalità. List, a quel tempo, vide solo due soluzioni: o accettare il suo stato o uccidere tutti e spedire le loro anime in Paradiso. Accettare il suo stato sarebbe stato ridicolo e lo avrebbe esposto all’umiliazione pubblica.

Image result for john list killer

Il 12 Aprile 1990 List venne condannato all’ergastolo per 5 capi di imputazione per omicidio di primo grado. Quando sentì la sentenza, List si rifiutò e dichiarò:

” Ho reagito così per il mio stato mentale di quel tempo, non ho spiegazioni per quel che è successo. Chiedo il perdono, la comprensione e una preghiera per tutti quelli malati come me”

Ma il giudice fu irremovibile:

‘ ‘ John Emil List è un uomo senza rimorso e senza onore. Dopo 18 anni 5 mesi e 22 giorni, è ora che la voce di Helen, Alma, Patricia, Frederick e John risorga dalla tomba’ ‘.

List morirà in prigione in seguito a una complicazione polmonare all’età di 82 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.