MICHELE PROFETA – IL MOSTRO DI PADOVA – IL PROFESSORE

Soprannominato “Il professore” per il suo aspetto impeccabile ed elegante, Michele Profeta, nato il 3 ottobre 1947, è stato un serial killer Italiano originario di Palermo.

Risultati immagini per michele profeta killer

Negli anni 90 si trasferì al Nord dove divideva la sua esistenza tra l’abitazione ad Adria con la mogie Concetta e i figli, e quella di Mestre dove viveva con l’amante Antonia Gemmati. Entrambe non erano a conoscenza della doppia relazione di Profeta.

Appassionato di giochi d’azzardo e ricoperto di debiti, il 10 Gennaio 2001 scrisse alla Questura che avrebbe commesso omicidi a caso qualora gli fossero stati negati i 12 miliardi che richiedeva.

Il 29 gennaio 2001 venne ritrovato a Padova un taxi fermo con a bordo il cadavere del proprietario, Pierpaolo Lissandron, ucciso da un colpo alla nuca con una pistola Iver Johnson. Subito si pensò ad una rapina finita male, ma l’ipotesi venne smentita il 1º febbraio, quando alla questura di Milano arrivò una lettera in cui il serial killer rivendicava l’omicidio del tassista.

L’11 febbraio, all’interno di un appartamento, fu scoperto il cadavere dell’agente immobiliare Walter Boscolo, anche questo freddato con un proiettile alla nuca. Sul posto vennero trovate due carte da gioco e una lettera scritta col normografo dal serial killer, nella quale si chiedeva di contattare il questore di Milano. Le indagini stabiliranno che quella mattina Boscolo aveva un appuntamento con un tale “signor Pertini”.

Il 18 gennaio, con lo stesso falso nome, aveva avuto un appuntamento con un altro agente immobiliare, il quale riconobbe il volto del “signor Pertini” nella foto segnaletica di Michele Profeta. Si arrivò al suo nome perché aveva utilizzato la stessa scheda telefonica per telefonare alla questura e ai conoscenti, tra cui la convivente. La sera del 16 febbraio 2001 venne arrestato a Padova mentre rincasava con la sua Škoda Felicia dopo un colloquio di lavoro.

Nel 2002 la Corte di Assise di Padova lo condannò all’ergastolo per gli omicidi di Pierpaolo Lissandron e Walter Boscolo, avvenuti a distanza di 12 giorni, rispettivamente il 29 gennaio ed il 10 febbraio del 2001. Scontò la pena inizialmente nel carcere di Padova ma dopo il tentativo di evasione messo in atto nel luglio 2001, venne trasferito nel penitenziario di Voghera, in provincia di Pavia.

Risultati immagini per michele profeta killer

Cardiopatico, il 16 luglio 2004 morì a Milano, stroncato da un infarto nella sala degli avvocati del carcere di San Vittore, mentre sosteneva il suo primo esame universitario in storia della filosofia.

Il Professor Davide Bigalli, che aveva assistito alla scena, raccontò.

« [Profeta] ebbe un rilassamento, piegò la testa all’indietro, socchiuse gli occhi e iniziò a tremare come in preda a convulsioni. Le guardie chiamarono i medici del carcere, lo sdraiarono ma lui agonizzava e non ci fu più nulla da fare. Profeta morì davanti ai miei occhi. »

Fonte. wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.