JULIA THOMAS: LA VEDOVA SMEMBRATA E BOLLITA NELLA LONDRA VITTORIANA

1879, in un piccolo cottage fuori Londra.

Julia era una vedova cinquantenne appartenente allo status borghese che viaggiava spesso. Il suo brutto carattere faceva scappare la servitù rendendo così necessaria l’assunzione di nuove figure per la cura della casa. Fu così che un giorno assunse Kate Webster, una giovane donna Irlandese abbandonata dal fidanzato dopo essere rimasta incinta.

cottage-julia-thomas

La pazienza di Julia durò ben poco e quando minacciò di licenziarla, Kate la implorò di restare almeno un altro po’, il tempo di trovare un altro impiego. Julia acconsentì, ma domenica se ne sarebbe dovuta andare via.

Quella mattina Kate spinse giù dalle scale Julia e, prima che la donna riuscisse a gridare, le saltò addosso e la strangolò. Afferrò poi un rasoio e una sega, smembrò il corpo, lo bollì staccando la carne dalle ossa e mise tutto in una borsa Gladstone.

stufa-kate-webster

(Una stufa simile a quella usata per bollire Julia)

Una volta finito di pulire il tutto, gettò i resti del corpo nel Tamigi all’interno di una borsa, tenendo per sè solo la testa e un piede, e si mise gli abiti di Julia fingendosi lei per un breve periodo.

borsa-gladstone

Il corpo della povera donna venne ritrovato il giorno dopo, ma senza la testa era impossibile riconoscerla. Nel frattempo Kate viveva nell’abitazione indossando i gioielli appartenuti alla vittima e vendendone i beni per racimolare qualche soldo. Riuscì a guadagnare dalle otturazioni d’oro, dai mobili, dalla casa e persino dal grasso fuso della donna, che piazzò a un ristorante vicino.

rive-tamigi

La vendita di ogni bene mise in allerta i vicini e la polizia. Kate fuggì in Irlanda, ma venne catturata e processata. Confessò tutto a un prete prima di morire tramite impiccagione.

esecuzione-catherine-webster

Nel 2010 il naturalista David Attenborough, durante dei lavori di scavo nella proprietà per ampliare l’abitazione, trovò un cranio senza denti nel terreno. Dopo averlo consegnato alla polizia, le indagini scientifiche confermarono che si trattava del cranio di Julia Martha Thomas, defunta circa 130 anni prima.

Esiste una seria Tv che ho visto e che consiglio (davvero molto bella) che presenta diverse somiglianze con la storia: Alias Grace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.