OLEG BELOV

La strage della famiglia Belov

“La Bibbia dice che i bambini resusciteranno. Quindi ho deciso di farli resuscitare e vivere insieme per sempre.”

10 minuti di pura follia scatenati da un taglio di capelli ridicolo fatto dalla madre al proprio figlio. Dietro, un matrimonio non più roseo e dei possibili problemi di schizofrenia. Sono bastati 10 minuti ad Oleg, 51enne russo, per uccidere tutta la sua famiglia, madre e sei figli.

Iniziò da Yulia, la moglie, che nel tentativo di fuggire, venne presa per i capelli e trafitta più volte con il coltello che Oleg usava per andare a caccia. La figlia di sette anni, la più grande di tutte, corse verso il corpo della madre ma Belov la intercettò e accoltellò sette volte sul busto. Successivamente uccise in ordine la figlia di 5 anni, Sonia, il figlio di 3, Nikifor e la figlia di 2, Ilya. Nella stanza era rimasta solo la figlia di 1 anno, Daria. La prese, la poggiò nel lettino ed infine accoltellò anche il suo corpicino. Mancava solo il figlio di 6 anni all’appello, Fyodor, nascosto nel bagno. Impiegò poco tempo a trovarlo e lo uccise con 4 pugnalate. Sterminata la famiglia, Oleg si diresse nel villaggio dove abitava sua madre, le chiese scusa e la accoltellò 21 volte. Prese l’ascia e fece a pezzi i corpi. Venne trovato dopo una sola settimana e fermato con un colpo di pistola.

Le ho chiesto:

“Stai scherzando o cosa?”

“Ho provato ad afferrare una forcina per capelli e iniziò una rissa. L’ho colpita due volte nella mascella, lei corse verso il corridoio e cominciò a bussare alla porta dei vicini. Urlava fortissimo, non ho mai sentito una persona urlare così forte, era spaventoso. Ero preoccupato che portasse via i bambini e allora le ho preso la mano e l’ho riportata dentro casa. Yulia gridò di non toccarla o avrebbe chiamato la polizia. Mi sentivo arrabbiato ed è a quel punto che ho realizzato che avrei voluto ucciderla. Ho preso il mio coltello da caccia, mi sono avvicinato a lei da dietro e l’ho colpita al fianco destro. Ho poi ucciso i miei figli così sarebbero rimasti con me. La Bibbia dice che i bambini resusciteranno. Quindi ho deciso di farli resuscitare e vivere insieme per sempre.”

“Ero l’uomo più felice al mondo. Posso dire che nessuno ha perso più di quello che ho perso io”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.