DETLEV GUENZEL

DETLEV GUENZEL

Il poliziotto cannibale

“The cannibal café” è un forum nato negli anni 90 e che ha attirato l’attenzione di tutte quelle persone che nutrivano il desiderio di mangiare un altro uomo. Molti utenti passavano intere giornate a parlare della loro frustrazione sapendo che la loro condizione psicologica non era tollerata dalle persone comuni.

Detlev Guenzel ha 56 anni, è un rispettato agente di polizia, un compagno attento ed un padre al quale non vi è nulla da rimproverare. Il suo volto è fatto di tratti morbidi, con uno sguardo dolce ed un sorriso altrettanto angelico. Una brava persona si direbbe, con un aspetto rassicurante. Eppure il poliziotto che difende la sua comunità dai cattivi si è reso protagonista di uno dei crimini più brutali dei giorni nostri.

L’uomo da qualche tempo ha infatti delle strane fantasie e, forse per attenuarle, frequenta il macabro forum tedesco frequentato da migliaia di cannibali.
Qui entra in contatto con Wojciech Stempniewicz, un coetaneo di origine polacca che vanta l’agiato stile di vita di uomo d’affari.

I due si scambiano messaggi e telefonate per diversi mesi, fino al momento in cui decidono che è tempo di concretizzare le loro fantasie:
Guenzel vuole giocare al macellaio, il polacco preferisce la parte della carne da macello.

L’appuntamento è fuori alla stazione di Dresda: Stempniewicz arriva infatti da Hannover e quattro lunghe ore di viaggio lo separano dalla realizzazione della sua fantasia. Arrivati nel seminterrato del poliziotto, i compagni di gioco decidono di rilassarsi con un po’ di musica pop mentre l’insospettabile agente con una corda strangola l’uomo d’affari.

Come farebbe un macellaio con maiali e vacche, Detlev appende il corpo senza vita di Wojciech ad un gancio e quindi procede al taglio delle varie sezioni, mentre l’occhio di una videocamera azionata dallo stesso assassino riprende tutta la scena per permettergli di rivivere le emozioni e il piacere del macabro gioco in un secondo momento.

Intanto gli inquirenti iniziano le indagini in seguito alla scomparsa dell’uomo d’affari e presto arriveranno nel giardino dell’improvvisato macellaio, dove verranno ritrovati tutti i resti della “vittima” eccetto il pene, che si suppone mangiato e ormai digerito dal cannibale di Dresda.

Il processo si annuncia complicato sotto molti aspetti, ma in particolare la difesa punta sul suicidio della vittima e non sull’omicidio.

Fonte: Lanonaporta

Non sono riuscito a trovare il video. Sorry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.